it  en
 

5 Maggio 2014

torino2014

Duecentocinquant'anni di storia dei terremoti in Italia e della sismologia attraverso strumenti e documenti originali: e' il percorso che potranno compiere i visitatori della mostra 'Osservati, osservanti, osservatori: 250 anni di scienza dei terremoti in Italia', che verrà inaugurata domani martedì 6 maggio a Torino, presso la ExManifattura Tabacchi.

I primi tentativi di registrazione in Italia risalgono già agli anni Trenta del XVIII secolo. E il Piemonte è tra i luoghi più importanti di questa storia scientifica. La misura dei terremoti ha radici a Moncalieri dove nel 1858 padre Francesco Denza fondò una rete per la raccolta di dati meteo che contribuì alla prima rete italiana di osservazione sismologica strumentale e la famosa Scala Mercalli nacque proprio da rilievi sul territorio ligure e piemontese.

La mostra propone 70 strumenti restaurati dall'Ingv, documenti e oggetti storici. Con il percorso 'Esplorando la Terra' sarà possibile entrare nel cuore del Pianeta con filmati 3D, studiare il magnetismo e il moto delle placche, seguire il monitoraggio dei fenomeni sismici e vulcanici e osservare le onde originate dai terremoti prodotti dai visitatori.

La mostra è posta sotto l'Alto Patronato del Presidente della Repubblica.

INFO

“Osservati, osservanti, osservatori: 250 anni di scienza dei terremoti in Italia”

Ex Manifattura Tabacchi

Corso Regio Parco, 134 – Torino

5 maggio – 29 giugno 2014
http://www.250anni-sismometria-italiana.it

       SEDE CENTRALE
       Via di Vigna Murata 605
       00143 Roma
       RECAPITI TELEFONICI
       Telefono  +39 06518601 
       Fax  +39 065041181
       CONTATTI
       Pec 
       info@ingv.it
     CODICE FISCALE
     06838821004
     P.IVA 06838821004

Creative Commons License

I contenuti pubblicati su queste pagine dall'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia sono distribuiti sotto licenza Creative Commons Attribution 4.0 International License.